Dal Marocco il Tajine tradizionale berbero

Fonte: wikipedia.orgdjemme.com

Il termine tajin o tajine è di origine berbera. Si tratta di una pietanza di carne in umido, tipica della cucina nordafricana, e in particolare marocchina, che prende il nome dal caratteristico piatto in cui viene cotto.

Il piatto tradizionalmente è fatto interamente di terracotta, spesso smaltata o decorata, ed è composto da due parti: una parte inferiore piatta e circolare con i bordi bassi, ed una parte conica superiore che viene appoggiata sul piatto durante la cottura.

La forma del coperchio è pensata per facilitare il ritorno della condensa verso il basso e presenta sulla sommità un “pomello” che ne facilita la presa. La parte inferiore viene usata per servire il piatto in tavola. In origine la cottura veniva effettuata appoggiando il tajine sulle braci; di recente sono stati costruiti piatti con il fondo di metallo, in grado di sopportare le alte temperature e la fiamma dei moderni fornelli a gas.

La cottura avviene a fuoco basso, lentamente, affinché la carne risulti tenera e aromatizzata. Ad ogni modo, per preparare il tajine non è strettamente necessaria l’apposita pentola, ma è possibile utilizzare una pentola a pressione, a scapito del gusto.

Ingredienti per 2 persone
• 400gr di manzo o di montone o mezzo pollo (tagliati in 4 grossi pezzi)
• 2 patate medie
• 2 zucchine
• 1 peperone
• 3 carote
• 1 cipolla
• 1 pomodoro
• prezzemolo
• una manciata di piselli (opzionale)
• una manciata di fave (opzionale)
• una manciata di fagiolini (opzionale)
• 1 melanzana piccola (opzionale)
• 1 bicchiere di olio extravergine d’oliva
• 4 foglie di alloro secco
• zafferano, cumino, coriandolo, bacche di ginepro, fiore seccato della noce moscata, cannella, sale

Preparazione:
• tagliare le patate a fette abbastanza sottili, sgusciare i piselli e le fave, e immergere tutto in acqua tiepida per 10’’
• tagliare le cipolle in striscioline, le carote in fette tonde sottili, le melanzane e le zucchine in fette non troppo sottili, i peperoni in strisce
• spellare i pomodori e tagliarli in pezzetti
• amalgamare le spezie con un po’ di sale ed il bicchiere d’olio
• mettere nel tajine le cipolle e mescolarle con un paio di cucchiaini dell’olio con le spezie; lasciare dorare le cipolle a fuoco medio e tajine aperto
• infilare le foglie d’alloro sotto lo strato di cipolle, quindi disporre la carne al centro, versare un altro paio di cucchiaini dell’olio con le spezie e lasciare cuocere a fuoco medio e tajine aperto per circa 20’’
• aggiungere, disposti a raggiera, carote, zucchine, peperoni, melanzane, patate, fave e piselli (tutte le verdure tranne il pomodoro, con le fette di patate in cima); versare sopra alle verdure il restante olio con le spezie
• abbassare il fuoco al minimo, coprire e lasciar cuocere per circa 1h30; ogni tanto è opportuno controllare che ci sia ancora del liquido, ed eventualmente aggiungere acqua
• aggiungere i pomodori ed il prezzemolo tritato e lasciar cuocere ancora per 30min
• il tajine è pronto quando la forchetta affonda bene nelle patate: togliere dal fuoco, lasciare riposare per 10min e poi servire

Durante la preparazione non bisogna mai mescolare! Tutti gli ingredienti rimangono interi nella posizione in cui sono stati messi nel tajine.

Se non si ha a disposizione la classica pentola di terracotta, si può comunque preparare il tajine in una pentola normale, purchè si tenga il fuoco molto basso e si rispettino le dosi di olio e acqua.

© Image: lil’pic cucina10

© Image: Linda Hatfield cucina11

TAJINE THE TRADITIONAL BERBER FROM MOROCCO

Tajin or tajine is the word of Berber origin. It is a dish of stewed meat, typical of North African cuisine, and especially Moroccan, which takes its name from the special pot in which it is cooked.

The pot is traditionally made entirely of clay, often enameled or decorated, and is composed of two parts: a lower part flat and circular with low sides, and a conical top part which rests on the plate during baking.

The shape of the lid is designed to facilitate the return of the condensate to the bottom and has on the top a “knob” that facilitates grip.

The lower part is used to serve the dish on the table.

Originally the cooking was done by placing the tajine on the embers; recently have been constructed plates with the bottom of metal, able to withstand high temperatures and the flame of modern gas stove. It is cooked over low heat, slowly, so the meat is tender and flavored.

However, to prepare the tajine is not strictly necessary the appropriate pot, but it is possible to use a pressure cooker, to the detriment of taste.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...